Scegli uno degli
account da attivare!

Se hai già un account Accedi qui

Se hai dei dubbi consulta le nostre FAQ oppure scrivici a support@weschool.com

Nessun prodotto nel carrello.

Il metodo WeSchool

Titolo pimario

Titolo secondario

Questo è un sottotitolo di prova

Primary Title

Secondary Title

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt.

Primary Title

Secondary title

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt.

Cara scuola, come stai?

Solo il 62% degli studenti fra i 25 e i 64 anni ha un diploma di scuola superiore, in Europa il 78,8% [ISTAT, 2019]

1 ragazzo su 5 che si diploma non è riuscito a sviluppare il livello minimo di competenze richieste [Miur, 2020]

In Italia l’11% dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni non sta studiando o lavorando [OECD, 2019]

Solo il 36,2% dei ragazzi di 16-19 anni e il 41,5% dei giovani di 20-24 anni possiede livelli avanzati di competenze digitali [ISTAT BES 2020]

Sì, cambiare

È quasi ovvio, ma chi oggi è seduto tra i banchi, così come in cattedra, è diverso da chi lo era cinquant’anni fa. Sono cambiati gli interessi, le abitudini, gli stimoli, i format comunicativi, la vita collettiva. “Quasi ovvio” perché, per progettare una buona scuola, dobbiamo necessariamente partire da qui: conosciamo meglio gli studenti, le loro necessità, e facciamolo insieme

Cosa serve, secondo noi.

Oltre a formare su e con contenuti disciplinari, occorre stimolare lo spirito critico e la collaborazione, dare a ogni studente la possibilità di far emergere la propria creatività, le competenze soft, i propri sogni. È così che possiamo pensare alla scuola, e dunque al futuro, come a uno spazio vivo, equo e inclusivo, che getta le basi dell’autodeterminazione e dunque della cittadinanza attiva

- S. Sancassani con F. Brambilla, D. Casiraghi, P. Marenghi, Progettare l'innovazione didattica

“Il ruolo dell’educazione non è quello di riprodurre semplicemente il sistema sociale esistente, ma di creare le condizioni perché possano essere immaginati nuovi mondi, grazie a nuove conoscenze, ma soprattutto attraverso nuove modalità di mettere in campo le conoscenze disponibili”

 

Chi progetta il futuro?

Ogni docente incontra nella sua carriera scolastica circa 1200 studenti*: il loro ruolo è insostituibile e la loro formazione è la chiave di volta dell’intero sistema scolastico. Per questo diamo loro tutti gli strumenti per progettare e personalizzare il modo in cui, giorno dopo giorno, costruiscono la scuola. 

La formazione degli insegnanti è del resto ritenuta una priorità per lo sviluppo economico e sociale, inserita negli obiettivi di Europe 2020 e dell’Agenda 2030 e riconosciuta come fondamentale fattore strategico dalla Commissione Europea e dall’OCSE, nonché inserita negli obiettivi di Europe 2020 e dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile

 

*L’Italia registra la quota più alta di insegnanti ultra 50enni tra i Paesi dell’OCSE (59%) e dovremo rinnovare circa la metà del nostro corpo docente nel prossimo decennio. 

Il metodo WeSchool

Crediamo che il processo di apprendimento vada disegnato tenendo a mente alcuni ingredienti. 

Disegnare un percorso di apprendimento su queste variabili è il focus della progettazione didattica, o instructional design

Il metodo in punti

01 - Studente al centro

Sì, secondo noi sono loro i veri protagonisti: è a partire dalle loro pre-conoscenze, attitudini e interessi che viene progettato il percorso di apprendimento. Questo li rende più coinvolti, più responsabilizzati, più soddisfatti e rende l’apprendimento più efficace e più duraturo.

È il docente quindi a pianificare l’apprendimento: disegna il progetto, sceglie gli elementi in base al contesto e guida gli studenti nel percorso, coinvolgendoli e personalizzando la didattica

02 - Competenze

Immaginiamo una scuola in cui, oltre a fare la parafrasi di Dante e dimostrare un teorema matematico, gli studenti sviluppano le loro soft skill: imparano a lavorare in team, parlare in pubblico, potenziare  il loro senso critico, usare gli strumenti digitali in modo sicuro e consapevole.

Crediamo che competenze hard e soft si debbano intrecciare, trasversalmente e in maniera interdisciplinare: sono queste che aiuteranno gli studenti a portare avanti i loro progetti, anche nel mondo del lavoro

03 - Si impara dappertutto, quando si vuole

Siamo abituati a pensare che la scuola si svolga fra i muri di un’aula, al mattino. E non è per la scuola da remoto all’epoca del lockdown che la immaginiamo in spazi e tempi diversi. Si impara anche facendo un quiz sull’autobus tornando a casa, giocando ai videogame, ascoltando un podcast riordinando la propria stanza o visitando un museo dentro ad un virtual tour.

Vogliamo ampliare le occasioni di apprendimento e renderle più interattive e divertenti, più vicine a chi impara, anche grazie alla tecnologia

Il nostro metodo

Sviluppiamo Learning Communities ad alto impatto d’apprendimento

04 - L'apprendimento è collaborativo

La parola d’ordine è “insieme”. Si impara con gli altri grazie al social learning, all’interazione coi compagni, al confronto costante. Ci si confronta sulle idee, facendone nascere di nuove. Si raggiungono obiettivi personali e comuni, si diventa cittadini attivi e consapevoli

05 - Metodologie innovative e laboratoriali

Vogliamo potenziare la lezione frontale con nuovi strumenti e nuove metodologie coinvolgenti e in cui gli studenti sono chiamati a essere attivi, nel modo migliore che conosciamo: sperimentando, sbagliando, correggendosi, facendo esperienza delle cose del mondo.

Pensiamo alla gamification (che introduce dinamiche e meccaniche tipiche del gioco nella didattica), al role play (che allena a conoscere punti di vista nuovi) fino al debate (per allenarsi a confrontarsi, argomentare e parlare in pubblico), passando per il teach to learn (è lo studente che sale in cattedra e insegna ai compagni… la lezione forse non sarà perfetta ma quello che conta è proprio il processo messo in atto per prepararla)

06 - Valutazione dell'apprendimento che accompagna il processo

La valutazione non è più alla fine del percorso e non misura una prestazione. Unita a feedback veloci e puntuali deve accompagnare il processo di apprendimento e aiutare gli studenti a orientarsi e a comprendere meglio il progetto di cui fanno parte. Qual è il mio punto di partenza? Quale quello di arrivo? A che punto mi trovo? Come posso migliorare? Imparare a imparare significa essere consapevoli del proprio processo di apprendimento, e questo vuol dire autovalutazione e autodeterminazione

Dalla teoria alla pratica!